ARNICA

ARNICA – Arnica montana L. – ARNICA

L’Arnica montana L. o arnica viene utilizzata esclusivamente per uso esterno principalmente nel trattamento di ecchimosi, ematomi, contusioni, distorsioni e dolori muscolari localizzati e secondariamente in caso di gengiviti e infiammazione delle mucose del cavo orale, nell’acne, nelle punture d’insetti e nelle flebiti superficiali.

Gli studi scientifici sui preparati a base di arnica hanno infatti  attribuito ai componenti attivi della pianta (l’elenalina, la diidroelenalina e altri lattoni sesquiterpenici) un’azione antinfiammatoria, analgesica e antisettica. In ogni caso l’arnica non va applicata su ferite aperte poiché l’elenalina è citotossica e mutagena. Infine se ne sconsiglia l’utilizzo per via orale perché l’elenalina induce una reazione tossica grave.

COMMERCIALIZZAZIONE*

  • Farmaco o galenico
  • Parafarmaco per uso esterno
  • Cosmetici

PREPARAZIONI

Creme, gel, unguenti che contengono:

  • Tintura in concentrazione del 10-30%
  • Tintura in concentrazione del 5-25%
  • Estratto fluido al 5-25%.

EFFETTI COLLATERALI

  • Reazioni allergiche

CONTROINDICAZIONI

  • In gravidanza  e allattamento
  • Bambini al di sotto dei 12 anni
  • Ipersensibilità o allergie verso uno o più componenti e alle Asteraceae
  • Periodo pre-operatorio
  • Cute lesionata
  • Predisposizione eritema solare
  • Dermatiti

INTERAZIONI FRA LA DROGA E I FARMACI

Oli essenziali: possibili interazioni

*Con il termine COMMERCIALIZZAZIONE si intende la commercializzazione potenziale come stato membro dell’unione europea. Per quanto riguarda la voce “Farmaci o galenici” ci si riferisce alle monografie della Commision E, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS o WHO, World Health Organization), dell’European Scientific Cooperative On Phytotherapy (ESCOP) e dell’EMA (Europea Medicine Agency) e alla presenza nelle Farmacopee di tutti i paesi del mondo. Le voci sottolineate indicano l’effettiva presenza della pianta nei diversi prodotti commercializzati in Italia al momento della presentazione  della monografia (02/2015)

BIBLIOGRAFIA

  • AA.VV. “WHO monographs on selected medicinal plants. Vol. 3“. WHO Library Cataloguing-in-Publication Data, Geneva, Switzerland, 2007
  • Blumenthal M, Busse WR, Goldberg A, Gruenwald J, Hall T, Riggins CW, et al. editors. The complete. German commission E monographs. American Botanical Council, Austin, Texas 1998
  • Blumenthal M, Goldberg A, Brinckmann J. editors. Herbal medicine Expanded Commission E monographs: The American Botanical Council. Austin, Texas 2000
  • Capasso F., Grandolini G., Izzo A.A. Fitoterapia-Impiego razionale delle droghe vegetali. Ed.Springer, 2006.
  • European Scientific Cooperative On Phytotherapy. Monografie ESCOP: le basi scientifiche dei prodotti fitoterapici. Planta medica, 2006.
  • Fabio Fiorenzuoli. “Interazione tra erbe, alimenti e farmaci”. Ed. Tecniche Nuove 2008
  • http://www.ema.europa.eu/ema/
  • http://www.fitovigilanza.it/
  • Immagine:@Barbara Studer; Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *