PUNGITOPO o RUSCO

Il Ruscus aculeatus L. o pungitopo è un suffrutice spontaneo della famiglia delle Liliaceae presente nei boschi e sottoboschi di tutta Europa. La droga è costituita dalla radice.

PUNGITOPO – Ruscus aculeatus L. – BUTCHER’S BROOMrusco o pungitopo

L’utilizzo terapeutico del pungitopo o rusco si fonda soprattutto sulla lunga tradizione, sulla base di recenti dati sperimentali ma su un numero limitato di studi clinici, ragion per cui l’attività farmacologica della droga non è ancora del tutto chiara (Commissione E, ESCOP, EMA). Il pungitopo o rusco viene indicato principalmente per la sua azione protettiva sui capillari e venotonica in caso di emorroidi, fragilità delle vene e alterazioni circolatorie a livello della retina. In particolare le saponine contenute nella droga hanno evidenziato azioni antiedemigena (contro l’edema), antinfiammatoria, vasocostrittrice a livello della microcircolazione periferica e modulatrice della resistenza e permeabilità capillare. Per le sue proprietà protettive sulla circolazione il pungitopo o rusco viene consigliato dalla Commissione E tedesca anche in caso di insufficienza venosa periferica, caratterizzata da dolore, pesantezza, crampi alle gambe, gonfiore e prurito e in caso di vene varicose a carico degli arti inferiori. L’azione protettiva sui vasi viene sfruttata anche in cosmetica nella preparazione di creme per la couperose, principalmente in associazione con calendula e con camomilla.

COMMERCIALIZZAZIONE*

  • Farmaci o galenici
  • Integratore alimentare
  • Parafarmaco per uso esterno
  • Pianta ad uso alimentare
  • Cosmetici

PREPARAZIONI

  • Droga essiccata in polvere anche in associazione con altre piante in capsule o compresse
  • Estratto secco anche in associazione con altre piante in capsule o compresse
  • Estratto fluido anche in associazione con altre piante in soluzioni per uso orale o in creme, pomate e gel per uso esterno
  • Tintura madre anche in associazione con altre piante in soluzioni per uso orale o in creme, pomate e gel per uso esterno

EFFETTI COLLATERALI

  • Raramente problemi gastrici e tendenza alla nausea.

CONTROINDICAZIONI

  • In gravidanza  e allattamento
  • Bambini al di sotto dei 12 anni
  • Ipersensibilità o allergie verso uno o più componenti
  • Periodo pre-operatorio
  • Ipertensione
  • Diarrea
  • Se si osservano su una o entrambe le gambe infiammazioni della pelle o indurimento sottocutaneo, ulcere, essudazioni, insufficienza cardiaca o renale bisogna subito consultare il medico

INTERAZIONI FRA LA DROGA E I FARMACI

  • Ipotensivi: potenziale interazione

*Con il termine COMMERCIALIZZAZIONE si intende la commercializzazione potenziale come stato membro dell’unione europea. Per quanto riguarda la voce “Farmaci o galenici” ci si riferisce alle monografie della Commision E, dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS o WHO, World Health Organization), dell’European Scientific Cooperative On Phytotherapy (ESCOP) e dell’EMA (Europea Medicine Agency) e alla presenza nelle Farmacopee di tutti i paesi del mondo. Le voci sottolineate indicano l’effettiva presenza della pianta nei diversi prodotti commercializzati in Italia al momento della presentazione  della monografia (02/2015)

BIBLIOGRAFIA

  • Blumenthal M, Busse WR, Goldberg A, Gruenwald J, Hall T, Riggins CW, et al. editors. The complete. German commission E monographs. American Botanical Council, Austin, Texas 1998
  • Blumenthal M, Goldberg A, Brinckmann J. editors. Herbal medicine Expanded Commission E monographs: The American Botanical Council. Austin, Texas 2000
  • Capasso F., Grandolini G., Izzo A.A. Fitoterapia-Impiego razionale delle droghe vegetali. Ed.Springer, 2006.
  • European Scientific Cooperative On Phytotherapy. Monografie ESCOP: le basi scientifiche dei prodotti fitoterapici. Planta medica, 2006.
  • http://www.ema.europa.eu/ema/
  • Fabio Fiorenzuoli. “Interazione tra erbe, alimenti e farmaci”. Ed. Tecniche Nuove 2008
  • http://www.fitovigilanza.it/
  • Immagine: © Jeffdelonge [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/)], from Wikimedia Commons; Wikipedia

2 commenti

  1. Lia Centrella

    In un anno quante volte si può assumere ? Sto usando la tintura madre da circa un anno con interruzioni di qualche mese e mi sono trovata molto bene.
    Vorrei sapere se posso continuare. Non ho particolari problemi di salute.
    Grazie mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *